3/13
Patti e la Madonna Nera del Tindari
Introduzione
Gli scavi di Tyndaris
La Villa romana di Patti marina
Storia di una citt governativa
Archeologia ed arte a Patti
Patti tra Natura e Natura
 
 
 
La Madonna Nera di Tindari
Il culto delle Madonne Nere
L'origine orientale del culto
Altre interpretazioni sui Simulacri
L'icona ritrovata
Le leggende di Marinello
 
Video su Patti
Video sulla Madonna Nera
 
Bullet7blu.gif (869 byte)Bullet7blu.gif (869 byte) INDIETRO
 
         
     
PATTI

      La statua venne, quindi, portata
   sulla rupe sovrastante, in una
   chiesetta gi esistente, che, per,
   successivamente  dovette essere
   ampliata pi volte per ospitare
   i fedeli, che vi giungevano in gran
   numero, attratti dalla fama
   miracolosa  della Madonna Nera
   del Tindari, a Patti.

   

    La Villa romana di
    Patti marina

   
     
     

 

 

Mosaico della Villa romana di Patti

 

 
 



 

 A Patti (Messina) in localit Torrente Montagnareale sorge una villa datata alla prima met del IV sec. d. C. Nel 1973, durante i lavori di costruzione dellautostrada Messina Palermo, sono stati rinvenuti i resti di una villa di et tardo imperiale, questa costituisce una importantissima testimonianza del lusso dellaristocrazia romana e locale nel corso del periodo tardo antico (Guida archeologica Sicilia Laterza). La villa fu distrutta da un terremoto intorno alla seconda met del IV secolo d. C. Il sito continu ad essere abitato, ma su una superficie pi ridotta, infatti tra il VI ed il VII secolo le terme vengono utilizzate per le sepolture.

Descrizione dellimpianto.
La villa occupa unarea di 2000 mq circa. Il nucleo principale si incentra intorno ad un grande peristilio (m 33,50  25), circondato da un portico su pilastri profondo m 3,40, su cui si affacciano vari ambienti che si dispongono sui suoi quattro lati. Lambiente pi importante unampia sala triabsidata che domina tutto il lato sud del portico, che collegato con essa per mezzo di un ampio arco del quale restano i piedritti. I pavimenti di tutti gli ambienti sono costituiti da mosaici policromi. Il mosaico di maggiore interesse si trova nella sala tricora. A nord est del peristilio si trova un complesso termale caratterizzato da vasche, pavimenti con suspensurae (pavimento su volta), praefurarium.

Il sisma che nella seconda met del IV sec. d. C. colp la villa fu abbastanza violento, ne prova il fatto che ampi tratti di opere murarie, pilastri, archi, elementi angolari e volte si abbatterono simultaneamente conservando, in alcuni casi, la propria struttura nella posizione di crollo. Per questo motivo stato possibile ricostruire graficamente buona parte del peristilio e, in alcune parti di esso, sono state risollevate le strutture portanti con laiuto di qualche integrazione. Alcune strutture del portico del peristilio si trovano ancora al suolo in posizione di crollo.

Decorazioni .
I vari ambienti interni della villa hanno, generalmente, pavimenti costituiti da mosaici policromi a motivi geometrici, opera, quasi sicuramente, di maestranze africane. Il mosaico pi interessante scoperto finora quello del pavimento della sala trifora. La parte centrale di questo mosaico costituita dallo schema detto a cerchi e a mandorle, che sono coperti da motivi geometrici, e che delimitano degli ottagoni in cui sono raffigurati animali domestici e fiere. Tutti i mosaici sono in uno stato di conservazione apprezzabile.

 
 

HOME